Appello per la carovana europea in Chiapas


Appello alla carovana europea in Chiapas in solidarietà con l’autonomia zapatista e con la Otra Campaña in Messico 

Sono già 14 anni che gli zapatisti, giorno per giorno, rispondono alla domanda: "Possiamo vivere e costruire la rivolta in questo tempo di guerra permanente, senza trasformare tale rivolta in terrore e guerra?".
Per tutto questo tempo gli zapatisti hanno inventato con la pratica la loro risposta, continuando nella costruzione dell’autonomia in Chiapas, costruendo l’alternativa, lanciando al Messico e al mondo le loro proposte di "un’altra forma di fare politica".

Ciò che ha reso possibile questa realtà che dura tuttora, è senza dubbio la DIGNITA’ e la RESISTENZA quotidiana degli uomini e delle donne zapatisti, insieme alla SOLIDARIETA’ condivisa.L’enorme forza di questa dignità, resistenza e solidarietà è riuscita a costruire la VITA invece della morte, e la RIVOLTA pacifica invece di quella guerra che l’alleanza tra i poteri politici ed economici del Messico pretendono di imporre da sempre.
E questa stessa forza zapatista e solidale ha reso possibile la costruzione della SPERANZA di un’alternativa nei modi e nelle parole dei movimenti e della resistenza sul pianeta, che allo stesso modo soffre la barbarie del capitalismo e del modello neoliberale.
Tuttavia la minaccia e la barbarie continuano in modo latente, perciò – oggi come ieri – tocca a noi ancora una volta condividere la SOLIDARIETA’ come spazio e percorso comune, difendendo la DIGNITA’ RIBELLE che vive e resiste tra le montagne del sud-est messicano, che allo stesso tempo alimenta le nostre lotte, speranze, forme e pratiche per costruire, insieme, un altro mondo nuovo, migliore e possibile.

Siamo di fronte ad uno scenario estremamente pericoloso in Messico. Il governo messicano, smascherato delle sue menzogne sulla democrazia e rispetto ai diritti umani, sceglie la strada della forza e la repressione brutale nei confronti di ogni dissenso, protesta e resistenza sociale nel paese.
L’aggressione alle comunità indigene zapatiste non si è mai fermata in questi 14 anni, però negli ultimi tempi la situazione si è fatta più che allarmante.Si consolida una molestia costante, asfissiante e criminale contro le comunità e le sue genti, portata avanti con ogni genere di azione poliziesca, giuridica, militare e paramilitare, nella totale impunità: aggressioni, sgomberi, sparizioni, assassinii, carcerazioni, attacchi alle cooperative autonome, recinto informativo, provocazioni multiple con l’intento di incitare ai conflitti tra indigeni…

"Noi che abbiamo fatto la guerra sappiamo riconoscere le vie attraverso cui si prepara e si avvicina. I segnali della guerra all’orizzonte sono chiari. Anche la guerra, come la paura, ha un odore. E adesso si comincia a respirare il suo fetido odore nelle nostre terre.", ha avvertito il Subcomandante Marcos nel dicembre del 2007.

Evitare il disastro e non permettere al governo messicano di imporre i suoi piani di morte, è nelle nostre mani. Bisogna agire adesso! La solidarietà è la nostra arma.Bisogna rinnovare la sua forza e la sua immaginazione. Bisogna far conoscere agli zapatisti stessi, alla società, al mondo e ai governi, che lo zapatismo continua ad essere ispirazione, speranza, vita e SOLIDARIETA’.
Far sapere e dimostrare che gli zapatisi non sono soli.
Che noi stessi non siamo soli e non siamo sole.

Per questo e secondo quanto discusso e concordato durante l’Incontro Europeo in Difesa e in Lotta con i popoli zapatisti e la Otra Campaña in Messico, che si è svolto ad Atene dal 9 all’11 maggio, si lancia un appello alla società civile internazionale in basso a sinistra e anticapitalista, per camminare insieme, tutti e tutte, nella "Campagna europea in solidarietà con l’autonomia zapatista e l’Otra Campaña in Messico", unendosi a tutte le iniziative che verranno portate avanti all’interno di questa e organizzando, potenziando e partecipando alla "Carovana europea in solidarietà con l’autonomia zapatista e l’Otra Campaña in Messico", che partirà il 27 luglio da Città del Messico, anche con la possibilità di unirvisi il 3 agosto durante il percorso in un punto da definire, per terminare il 12 agosto in terra zapatista.Per partecipare ed iscriversi è necessario mettersi in contatto con i collettivi del proprio paese o della propria città.

L@S ZAPATISTAS NO ESTÁN SOL@S!

La solidarietà europea cammina insieme agli zapatisti e alla Otra Campagna.
Siamo tutti parte delle molteplici lotte che in tutto il mondo aprono cammini autonomi per costruire un futuro diverso per l’umanità.

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)
 

  • LA PIRATA

  • LIBRO BRIGADA CALLEJERA

  • OPUSCOLO SEXTA-OTRA

  • CO.R.UM – Noticias en espanol

  • PROGETTI PIRATA

  • PIATTAFORMA PIRATA

  • DIGNA RADIO

  • OTRA EUROPA INFO

  • PRIGIONIERI POLITICI


    No estamos tod@s


    Pres@s de la Otra

  • REPORT XANICA 2011

  • PIANO TURISTICO CHIAPAS

  • TURISMO COSCIENTE

  • RIVISTA DEGNA RABBIA

  • OPERE RABBIA DEGNA

  • DISTRIBUZIONE CAFFÈ REBELDIA

  • PERIODICO ANARCHICO