CSOA IL MOLINO – Martedi 5 agosto – Iniziativa per la ricostruzione de LA REALIDAD

flyer-la-realidad-web

Nessun commento

Lettera in solidarietà con tutti e tutte i detenuti in lotta in qualsiasi angolo del mondo. Lettera nata dalla convocatoria finale dell’incontro di Europa Zapatista al presidio di Venaus.

 

Alle prigioniere e ai prigionieri politici di ogni geografia
Alle famiglie e ai collettivi delle prigioniere e prigionieri politici
Agli aderenti della Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona
Ai popoli del Messico e del mondo

Presidio di Venaus in Val di Susa, Italia

15 giugno 2014

Compagne e compagni:

Da questo territorio ribelle, dove lottano contro la costruzione del Treno ad Alta Velocità (TAV) Lione-Torino, contro la spogliazione, lo sfruttamento e il capitalismo donne, uomini e bambini che si sono organizzati nel movimento No TAV. In questo luogo dal 13 al 15 di giugno si sono incontrati i collettivi europei di solidarietà con gli zapatisti e con quelli che lottano dal basso.

Dal presidio di Venaus vi mandiamo queste parole solidarie: Prosegui la lettura »

Nessun commento

Dichiarazione dall’ incontro dei collettivi europei solidali con lo Zapatismo

Incontro di collettivi europei solidali con lo Zapatismo

DSC_2311
Presidio di Venaus, val di Susa, Italia.

Domenica 15 giugno 2014.

Alle comunità Base di appoggio zapatiste.

All’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale

Ai compagni e alle compagne della Sexta nel mondo.

Ai popoli che lottano dal basso a sinistra.

I giorni 13,14, e 15 giugno del presente anno nel presidio di Venaus, luogo emblematico della lotta No Tav in val di Susa, Italia, si è tenuto un incontro di collettivi europei solidali con la lotta zapatista chiamato Galeano Vive. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Il Subcomandante Marcos annuncia la sua scomparsa

Alle 2:08 dell’alba di oggi, il Subcomandante Marcos ha annunciato che a partire da quel momento smetterà di esistere. In una conferenza stampa con i media liberi che partecipavano all’omaggio a Galeano, lo zapatista assassinato nella comunità zapatista di La Realidad, il capo militare dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN), ha detto: “se posso definire Marcos, il personaggio, vi direi senza alcun dubbio che è stata una pagliacciata”.

Dopo più di 20 anni alla guida delll’organizzazione politico-militare sollevatasi in armi il primo gennaio del 1994, Marcos ha annunciato il passaggio di testimone. Ha detto che dopo i corsi della Escuelita Zapatista dell’anno scorso e dell’inizio di questo, “ci siamo resi conto che oramai c’era già una generazione che poteva guardarci, che poteva ascoltarci e parlarci senza bisogno di una guida oleadership, né pretendere sottomissione”. Allora, ha detto, “Marcos, il personaggio, non era più necessario. La nuova tappa della lotta zapatista era pronta”. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Basi di appoggio dell’EZLN aggredite da affiliati alla CIOAC

Basi di appoggio dell

La Jornada – Domenica 2 febbraio 2014

Basi di appoggio dell’EZLN aggredite da affiliati alla CIOAC

Hermann Bellinghausen. Inviato. San Cristóbal de las Casas, Chis., 1º febbraio. La giunta di buon governo (JBG) Corazón del arco iris de la esperanza, del caracolzapatista di Morelia, ha denunciato la grave aggressione contro basi di appoggio dell’EZLN nell’ejido 10 de Abril, municipio autonomo 17 de Noviembre, perpetrata da un gruppo di seguaci dei leader dell’organizzazione Cioac democratica, Miguel Vázquez Prosegui la lettura »

Nessun commento

La PIRATA: complici nel dolore e nella lotta con l’EZLN

7d767-alto-a-las-agresiones

Molt*, quasi tutt* quell* che lottiamo per un mondo migliore, sappiamo ciò che si sente quando uccidono un/a compagn@. Il dolore è come un pugno che stringe le budella, le mani tremano di rabbia, gli occhi fissi guardano attraverso le lacrime. Si tratta di un’assenza che non è e non sarà vuoto, perché la riempiono la memoria viva e il dovere di continuare la lotta.

In tutte le geografie, contro tutti i governi, abbiamo sofferto e vissuto questo lutto e questa indignazione che deve trasformarsi in azione, affinché non si fermi il nostro cammino.

Così si sentiranno le e i compagn* zapatist* e la familia di José Luis Solis Lopez, il compa Galeano, fra i migliaia di maestri della Escuelita Zapatista, incontro di artigian* di sogni dove abbiamo imparato, toccato e confrontato i risultati dell’autonomia dei popoli dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN). Al compagno hanno sparato ripetutamente, lo hanno colpito in faccia con un machete e infine gli hanno sparato alla testa, con un colpo di grazia. Altri zapatisti sono stati feriti, alcuni gravemente, il passato 2 maggio durante la stessa imboscata nel Caracol de La Realidad, a pochi passi dal centro del governo autonomo zapatista del Caracol I della zona Selva Fronteriza.

Si sarà sentita in questo modo la gente di San Sebastián Bachajon, dopo l’assassinio di Juan Vazquez Guzman nell’aprile del 2013 e di Juan Carlos Gomez Silvano nel marzo di quest’anno, entrambi compagni aderenti della Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona dell’EZLN.

E chi sono gli assassini? Chi sono gli aggressori?

Una piramide di colpevoli. Le politiche neoliberiste cercano di farla finita con i popoli che si rifiutano di scomparire ed essere assorbiti dal mercato globale o, semplicemente, che resistono contro la mercificazione delle proprie risorse naturali. Tra i responsabili segnaliamo alcuni noti assassini al servizio delle grandi imprese, come il Presidente del Messico Peña Nieto o il Governatore del Chiapas Manuel Velasco Coello, fautori di questa strategia di persecuzione verso le comunità indigene organizzate. Alla base, per fare il lavoro sporco, come sicari o provocatori, ci sono le organizzazioni di contadini legate ai partiti al governo, le quali sono pagate e premiate per fare questo infame lavoro. Per questo attaccano l’EZLN, perché oltre ad opporsi alla vendita del proprio territorio dimostra, nei fatti, che i politici sono di troppo e disturbano, e che si può vivere senza l’aspirazione di accumulare soldi e ricchezze materiali.

Allo stesso modo che in Europa i fascisti aggrediscono e picchiano laddove la polizia non può arrivare per l’alto costo politico che rappresenterebbe, in Messico i gruppi paramilitari attaccano le comunità zapatiste, mascherando agli occhi dell’opinione pubblica l’implicazione diretta dell’esercito e delle altre istituzioni. Come i fascisti che hanno ammazzato i nostr* compagn* godono dell’impunità e della protezione della polizia e delle istituzioni, allo stesso modo i sicari e picchiatori di queste organizzazioni di agricoltori attuano protetti dalle forte armate e politiche del governo, secondo il piano di contro-insurrezione che e’ stato pianificato per distruggere il processo di autonomia dell’EZLN.

Sappiamo che questo non si ferma. Né con pallottole, né con le bugie dei mezzi di comunicazione, né con soldi. La lotta per la giustizia, la libertà e la democrazia è antica e grande come il mondo. Nelle nostre geografie ci prendiamo l’impegno di diffondere ciò che sta succedendo, con la realizzazione di alcuni eventi solidali e informativi, e aderendo a qualunque chiamata che arrivi dal Messico dai e dalle nostr* compagn* di là.

Hasta la victoria siempre, compa Galeano!
NON UN PASSO INDIETRO! BASTA CON LA GUERRA CONTRO LE COMUNITÀ ZAPATISTE!

LA PIRATA:
Nodo Solidale (Italia/Messico)
Colectivo Zapatista di Lugano (Svizzera)
Nomads, Italia e Berlino (Germania)
Aderenti individuali

Prosegui la lettura »

Nessun commento

Venerdi 9 maggio 2014 – L’ESPERIENZA DELL’ESCUELITA ZAPATISTA

flyer

Nessun commento

Comunicato Frayba sull’uccisione della base EZLN.

San Cristóbal de Las Casas, Chiapas

5 maggio 2014

Comunicato stampa No. 16

 

Aggressione a Basi dell’EZLN nella sede della Giunta di Buon Governo della Realidad

  • Elementi della CIOAC-Histórica, PVEM, PAN aggrediscono Basi di Appoggio dell’EZLN nell’ejido della Realidad.
  • Un omicidio, feriti, distruzione di beni e danni a veicoli sono il risultato dell’aggressione.

Prosegui la lettura »

Nessun commento

Un morto e 13 feriti scontro EZLN e Cioac-H

La Jornada – Domenica 4 maggio 2014

Un morto e 13 feriti il saldo dello scontro tra l’EZLN e Cioac-H

Elio Henríquez. Corrispondente. La Realidad, municipio di Las Margaritas, Chis., 3 maggio. Uno scontro tra basi di appoggio dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale (EZLN) ed elementi della Central Independiente de Obreros Agrícolas y Campesinos Independiente Histórica (Cioac-H) in questa comunità, ha lasciato uno zapatista morto e 13 feriti della Cioac-H. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Appello dall’Europa per San Sebastián Bachajón.

EJIDO SAN SEBASTIAN BACHAJON ADERENTE ALLA SESTA DICHIARAZIONE DELLA SELVA LACANDONA. CHIAPAS. MESSICO. 17 APRILE 2014

A tutt@ compagn@ aderenti alla Sesta dichiarazione della selva lacandona

Ai media di massa e alternativi

Alle Giunte di Buon Governo

All’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale Prosegui la lettura »

Nessun commento

Settimane di lotta per San Sebastian Bachajon.

La Jornada – Sabato 19 aprile 2014

Lanciate giornate internazionali per la giustizia per San Sebastián Bachajón

Hermann Bellinghausen

L’ejido San Sebastián Bachajón, del municipio di Chilón, nella zona Nord del Chiapas, ha annunciato la realizzazione di giornate interazionali per la giustizia a favore della lotta di questo ejido, aderente alla Sesta dichiarazione della Selva Lacandona, che si oppone ai tentativi del governo di spogliarlo di parte del suoi territorio a fini turistici e per costruire delle srade senza il consenso degli abitanti. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Ritorno a Puebla.

La Jornada – Martedì 15 aprile 2014

I profughi sono tornati nell’ejido Puebla in Chiapas

Elio Henríquez. Corrispondente. Ejido Puebla, Chiapas.

Le 17 famiglie cattoliche sfollate nell’agosto scorso da questo ejido del municipio di Chenalhó a causa della disputa di una proprietà a maggioranza evangelica, ieri hanno fatto ritorno accompagnate dal vescovo di San Cristóal de Las Casas, Felipe Arizmendi Esquivel, e dal segretario di Governo, Eduardo Ramírez Aguilar, e da rappresentanti di organismi non governativi ed osservatori civili. Il vescovo ha dichiarato che questo è un ritorno senza giustizia ed ha chiesto di continuare ad appoggiare le famiglie che sono tornate, perché non è certo finita, non solo per quanto riguarda l’ambito materiale, ma soprattutto per la sicurezza, la stabilità, l’armonia e la riconciliazione. Il segretario Ramírez Aguilar ha affermato che il ritorno è un passo importante per la pace e la riconciliazione.http://www.jornada.unam.mx/2014/04/15/politica/017n3pol

Read Full Post »

Nessun commento

Comunicato EZLN: Iniziative.

L’EZLN ANNUNCIA LE ATTIVITA’ CON I POPOLI ORIGINARI, L’OMAGGIO A DON LUIS VILLORO ED IL SEMINARIO SU “L’ETICA DI FRONTE AL SOPRUSO”, ED UNA NUOVA INIZIATIVA PER LA SEXTA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

ESERCITO ZAPATISTA DI LIBERAZIONE NAZIONALE

MESSICO

Marzo 2014

Per: la Sexta in Messico e nel Mondo.

Da: Subcomandante Insurgente Moisés. Prosegui la lettura »

Nessun commento

Progetti PIRATA 2013

Opuscolo sui progetti della PIRATA 2013

Presentazione dei progetti sostenuti dai collettivi de La Pirata.

I progetti qui descritti – in continuo movimento – sono promossi da ogni singolo  collettivo della piattaforma e vengono definiti direttamente con le comunità e con le lotte stesse, secondo i loro tempi, i loro bisogni, le loro abitudini. Questo per non interferire con le differenti traiettorie – usi e costumi per la precisione – come ancora troppo spesso viene fatto in una tipica concezione “occidentalista” della solidarietà e del mondo in generale.

La Pirata non fa beneficenza, volontariato, assistenzialismo o “turismo rivoluzionario”. la Pirata percorre ponti di ribellione, promuovendo una partecipazione attiva, condivisa, diretta e paritaria su sentieri dell’emancipazione e dell’autonomia.”

download

Nessun commento

Nessuno rimane solo nelle mani del nemico!

czl

Oggi, sabato 22 febbraio, con un presidio (40ina di persone) davanti al palazzo di giustizia di Lugano abbiamo scelto di aderire con solidarietà complice alla mobilitazione nazionale indetta dal movimento NO TAV, per rispondere alla brutalità repressiva che colpisce coloro che si oppongono alla devastazione ed al saccheggio dei territori.

CONTRO LA DEVASTAZIONE DEI TERRITORI E DELLE NOSTRE VISTE…DIRITTO ALLA RESISTENZA! Prosegui la lettura »

Nessun commento

  • VIDEO PROGETTI PIRATA

  • LIBRO BRIGADA CALLEJERA

  • OPUSCOLO SEXTA-OTRA

  • CO.R.UM – Noticias en espanol

  • PROGETTI PIRATA

  • PIATTAFORMA PIRATA

  • DIGNA RADIO

  • OTRA EUROPA INFO

  • PRIGIONIERI POLITICI


    No estamos tod@s


    Pres@s de la Otra

  • REPORT XANICA 2011

  • PIANO TURISTICO CHIAPAS

  • TURISMO COSCIENTE

  • RIVISTA DEGNA RABBIA

  • OPERE RABBIA DEGNA

  • DISTRIBUZIONE CAFFÈ REBELDIA

  • PERIODICO ANARCHICO

  • LA PIRATA